Close [x]

Le news più ghiotte nella tua inbox, ogni venerdì mattina

Migliaia di persone sono già iscritte a Wikli!

Wikli seleziona e commenta le news tematiche più interessanti della settimana,
le confeziona e te le fa trovare puntuali nella casella di posta ogni venerdì alle 8.00.

Inserisci la tua email per richiedere l'iscrizione a startup.wikli.it

Iscriviti!

startup.wikli.it

startup, web, acquisizioni e venture capital

Google il SEO e le content farm

Investireste in una società che è legata a doppio filo con Google e i suoi criteri di indicizzazione? Il riferimento non è ovviamente casuale ma punta bello dritto verso Demand Media, azienda da poco in IPO di cui si è parlato ultimamente sia per il modo creativo con cui ammortizzano il costo dei contenuti su più anni, ma anche per la scarsa qualità dei pezzi che producono grazie a una forza lavoro di decine di migliaia di scrittori freelance.

E' bastato un comunicato stampa di Google per far perdere alla società, in un solo pomeriggio, ben 100k dollari di capitalizzazione di borsa. Big G ha infatti dichiarato di aver modificato l'algoritmo di ranking dei risultati di ricerca per dare meno peso ai siti con bassa qualità del contenuto.

I danni scatenati dal cambiamento apportato da Google non finiscono qui: Associated Content, acquistata da Yahoo! l'anno scorso per 100 milioni di dollari, non se la passa meglio. Come riporta uno studio effettuato da Sistrix su un milione di keywordricercate su Google, le pagine di associated content sono state fortemente penalizzate con un calo del 93% sul posizionamento, causando un effetto domino su gran parte delle loro proprietà web.

Traffico e ricavi in discesa verticale hanno messo in ginocchio anche Mahalo l'ultima creatura del tanto vulcanico quanto antipatico Jason Calacanis costretta a tagliare da subito il 10% della forza lavoro per cercare di limitare i danni.

La riflessione e l'avvertimento che viene da fare sono immediati: stare bene alla larga dai business incentrati così profondamente sul SEO e con qualità dei contenuti molto bassa. Non posso nascondere che negli ultimi anni, in Blogo, più il traffico saliva e più ci chiedevamo cosa sarebbe potuto succedere qualora Google ci avesse chiuso i rubinetti. Per fortuna che la qualità dei contenuti pubblicati è sempre stata alta e il rischio di un'operazione di questo tipo molto basso. Certo che è stato comunque un pensiero che più di una volta mi ha lasciato senza sonno.

Per usare altre parole prendo in prestito quelle pronunciate da quel genio di Fred Wilson quando parlando dei costi di marketing per startup ha detto "Live by SEO, die by SEO. Don't be a Google bitch". Mi sembrano calzanti.

E in Europa cosa succede? Per il momento proprio nulla visto che il cambio dell'algoritmo di Google è attivo solo per le ricerche sui siti statunitensi. Tiriamo quindi un sospiro di sollievo, ma tanto per gettare un po' d'ansia, prima di fare mosse azzardate consiglierei a tutti di guardarsi bene attorno.

Se nel frattempo il settore del Content on Demand vi ha stuzzicato, vi consiglio di leggere questo bel pezzo di Wired.

Questo è solo un piccolo assaggio di Wikli.
Iscriviti per ricevere ogni settimana startup.wikli.it

Iscriviti!

In Italia intanto

  • Jobs sale sul palco, parla di iPad 2 e presenta quelle che secondo lui sono le applicazioni "più magiche" per il tablet. Tra queste Virtual History Rome dell'italianissima Applix. Grandi ragazzi, congratulazioni!
  • Enlabs, "il primo incubatore open" in Italia, è alla ricerca di 6 startup da incubare. Il form di applicazione deve essere compilato entro il 20 Marzo.
  • Si è appena concluso l'evento Launch organizzato da Jason Calacanis. Luca Filigheddu racconta, non senza qualche critica, la sua esperienza sul gruppo Facebook Italian Startup Scene. Per una copertura più profonda della conferenza vi consiglio la lettura di questo post.
  • Beintoo, la startup fondata da una parte dell'ex team di Simply.com, annuncia una partnership con Libero.it
  • Un bel video per la presentazione di Hacker Republic, il nuovo libro di Fabio Ghioni
  • Il 24 Marzo tappa a Bologna per l'happy hour di WhyMCA (Mobile Developer Conference). Una bevuta e qualche riflessione sulla monetizzazione delle mobile app.


Link brevi

Soho for sale. Ecco cosa succede quanto una startup molto "fighetta" va in liquidazione. Forse si sono dedicati troppo alla scelta dei mobili e poco al business. Perchè Reid Hoffman, il fondatore di Linkedin, ha deciso di investire in Groupon? Bastano due parole per spiegarlo: "The power of data". UXPin, il meglio per il paper prototyping Se avete voglia di spendere un paio di dollari vi consiglio la lettura dell'ultimo numero di hacker monthly. Questo mese: come funziona l'algoritmo che comanda i fantasmi in PacMan, far uscire la propria startup su hacker news e tanti altri succosi pezzi. Stufi di vedere copycat di Groupon? Almeno questo clone è solo per proprietari di animali domestici Kevin Ham, l'uomo da 300 milioni di dollari (in domini)


Questa settimana investirei in..



Forse non tutti sanno che




Inserisci la tua email per ricevere questo numero di startup.wikli.it

Rimandamelo!