Close [x]

Le news più ghiotte nella tua inbox, ogni venerdì mattina

Migliaia di persone sono già iscritte a Wikli!

Wikli seleziona e commenta le news tematiche più interessanti della settimana,
le confeziona e te le fa trovare puntuali nella casella di posta ogni venerdì alle 8.00.

Inserisci la tua email per richiedere l'iscrizione a startup.wikli.it

Iscriviti!

startup.wikli.it

startup, web, acquisizioni e venture capital

Ogni Keynote di Apple è un’aggressione diretta a grandi e piccoli


Ho emozioni miste ogni volte che vedo un keynote di Apple. 
Da un lato provo una grande ammirazione per un’azienda enorme che riesce a emozionare e a continuare a innovare tanto nel software quanto nell’hardware, dall’altra ogni volta mi scorre un brivido nella schiena che mi fa capire quanto questa compagnia sia diventata un pericolo enorme per tutte le persone che lavorano nell’innovazione. E, cosa forse ancora più incredibile, mi stupisce come possa ancora a restare attenta anche ai minimi dettagli.  

L’anno scorso avevamo visto il lancio di iCloud (con un attacco frontale a Dropbox), di iMessage (Beluga, Whatsapp e GroupMe) e di Reading List (Instapaper); nuovi servizi che hanno creato non pochi grattacapi a chi aveva lanciato startup con progetti simili e che da allora si trova a combattere con il grande colosso di Cupertino. 

Quest’anno i territori invasi da Apple sono stati ancora di più e i nuovi nemici di ancora maggiori dimensioni. 
Tra le varie novità presentate da Tim Cook e dal suo esercito non si può che intravedere una dura vita per una buona manciata di aziende tra cui: 
  • TomTom e Garmin per l’applicazione mappe che integra funzionalità turn-by-turn
  • Google Maps per le mappe che integrano ora anche un’incredibile vista aerea 
  • Waze per i dati in tempo reale sul traffico automobilistico  
  • Square e Paypal per una possibile evoluzione futura di Passbook come digital wallet 
  • Appsfire per l’AppStore che ora suggerisce anche le app più amate dagli amici  
  • Google Drive per l’integrazione nativa di iCloud in Pages/Keynote/Numbers  
  • Tango, Fring e Skype per FaceTime che ora funzionerà anche su rete 3G
  • Growl per il nuovo notification center di OS X 
Se le battaglie dell’anno scorso sembravano avere come obiettivo principale tante piccole startup non si può dire la stessa cosa per i nuovi prodotti lanciati nell’ultimo Keynote. 

Il mirino del colosso di Cupertino sembra puntare sempre più verso uno scontro frontale con Google sia per l’attacco sferrato con le mappe che per le ricerche locali alimentate dai contenuti di Yelp ma anche per Siri che nei piani di Cupertino dovrebbe rimpiazzare sempre di più le ricerche effettuate su Google. 

E’ inoltre passata inosservata ai più la novità di AirPlay da Mac che unita all’appstore per le app desktop potrebbe creare non pochi problemi ai più grandi produttori di consolle al mondo tra cui Microsoft e Sony. Non credo passeranno molti anni prima che, con un semplice joystick (un iPhone?) ci troveremo a proiettare da un Mac sulla HDTV del salotto l’ultimo capitolo di GTA o di Resident Evil. 

Per tutti noi Apple non può che fornire sempre maggiori opportunità ma anche un pericolo da non sottovalutare. 
L’unico modo per cercare di limitare il rischio può essere di cercare di lanciare i servizi su più piattaforme (Android, Web, iOS) e di limitare al massimo lo sviluppo di applicazioni che siano dei semplici tappabuchi per funzionalità che Apple potrebbe introdurre nel breve periodo.

Pericolo o opportunità? Parliamone su Twitter (@magno).

Questo è solo un piccolo assaggio di Wikli.
Iscriviti per ricevere ogni settimana startup.wikli.it

Iscriviti!

In Italia intanto

  • Minimeteo: una bellissima app per iPad con un design minimale e un team tutto italiano.
  • Non sono pochi i ragazzi stufi dell'avversione di TechCrunch per le startup italiane. Il team di Metwit cerca di farsi notare lanciando il blog TechCrunch Cover Me
  • MindTheBridge sbarca il 21 giugno a Genova e il 29 giugno a Catania
  • Una grande soddisfazione per Giovanni Ciaffoni e la sua Ariadne GPS, presentata nel video di apertura dell'ultimo Keynote
  • The Founder Institute parte anche in Italia. L'evento di lancio è fissato per il 3 luglio a Roma


Link brevi


Forse non tutti sanno che

Steve Jobs aveva dato del "Fuckchop", termine difficilmente traducibile in italiano ma che è qualcosa di peggio rispetto a dare dell'idiota a qualcuno, a Andy Grigno - ingegnere di Apple che non aveva esitato a farsi stampare sul biglietto da visita ufficiale il termine Fuckchop.



Inserisci la tua email per ricevere questo numero di startup.wikli.it

Rimandamelo!