Close [x]

Le news più ghiotte nella tua inbox, ogni venerdì mattina

Migliaia di persone sono già iscritte a Wikli!

Wikli seleziona e commenta le news tematiche più interessanti della settimana,
le confeziona e te le fa trovare puntuali nella casella di posta ogni venerdì alle 8.00.

Inserisci la tua email per richiedere l'iscrizione a startup.wikli.it

Iscriviti!

startup.wikli.it

startup, web, acquisizioni e venture capital

SXSW 2011, sarà l'anno del group messaging?

Come ogni anno l'SXSW di Austin ha messo in mostra le ultime novità del settore dell'intrattenimento e dei nuovi media. Pur essendo nato negli anni 80 come festival musicale ed essersi allargato presto a Film e Multimedia, dagli anni novanta in poi è diventato un appuntamento fisso anche per le novità del web. Basta pensare alle ultime edizioni per rendersi immediatamente conto che la musica non è più il tema centrale della manifestazione: qui sono stati lanciati alcuni dei servizi più caldi del web, come Foursquare nel 2009 e Twitter, vincitore dell'award SXSW 2007. Per chi fosse curioso sui retroscena legati a queste due apparizioni, consiglio uno splendido thread su Quora con i commenti di Evan Williams (co-founder twitter) e Denis Crowley (co-founder foursquare). Seppure ad Austin altre due giornate di fuoco aspettano i partecipanti del SXSW, è già evidente che il tema centrale di quest'anno è il group messaging. Ma come mai tanta attenzione, proprio ora, per i messaggi istantanei via cellulare? Sono l'evoluzione naturale degli SMS, una tecnologia obsoleta che non ha visto innovazione negli ultimi dieci anni ma è anche grazie ai primi passi fatti da BlackBerry con il Messenger e poi da Apple con le push notification alla portata di tutti che le cose hanno sono iniziate a decollare. Decine di applicazioni sono nate nell'ultimo anno, diverse con ritmi di crescita vertiginosi e modelli di business ancora tutti da verificare. Solo nell'ultimo mese due operazioni importanti hanno dato ancora più luce al settore: Kik su cui hanno appena puntato Union Square Ventures (Fred Wilson), Spark Capital e RRE Ventures con un chip da 8 milioni di dollari (http://thegongshow.tumblr.com/post/3702453488/kik ) è in grande forma, in due settimane dal lancio e senza alcun dollaro speso in marketing ha ammassato ben 1 milione di utenti con una crescita virale eccezionale (http://venturebeat.com/2010/11/03/kik-messenger-sees-explosive-start-a-mobile-chat-better-than-sms/) e ora ha già sfondato i 3 milioni di utenti attivi. Facebook non resta di certo indietro e a inizio marzo ha comprato Beluga. Sarà stata un'acquisizione di tecnologia o di team? A quanto pare per una volta l'interesse di Zuckerberg e soci non è rivolto solo alle persone ma anche al prodotto, quindi i ragazzi di Beluga possono rilassarsi con la consapevolezza che resteranno indipendenti e con le tasche piene di soldi (o azioni FB). http://techcrunch.com/2011/03/01/facebook-beluga/ Ma il group messaging non è solo per le giovani startup, anche ASK si è buttata nel mercato con Ask Around, un'applicazione per iPhone che come le altre permette di inviare messaggi instantanei a costo zero. http://around.ask.com/ ---- L'interesse degli utenti cresce anche in Italia dove What's app http://www.whatsapp.com/ (che però è a pagamento) prende piede velocemente e gli operatori telefonici che hanno prosciugato per anni le tasche dei consumatori iniziano a leccarsi le ferite. ---- La lista non finisce di certo qui: Angel e VC sono caldi sul Mobile LBS e per avere una conferma sul mercato favorevole per queste applicazioni basta leggere il rapporto di Juniper Research https://www.juniperresearch.com/reports/mobile_location_based_services che prevede ricavi per 12 miliardi di dollari nel 2014. Non sarà un po' esagerato? Mi fido poco delle ricerche, meglio tagliare per 2 le previsioni. Se il group messaging è l'SMS 2.0, Yobongo sempra già proiettata verso una naturale evoluzione del prodotto. Messaggi di gruppo instantanei e localizzazione, il tutto in una app per iPhone che permette di chattare con persone sconosciute che si trovano nelle nostre vicinanze. Un pò IRC (per i vecchi tra di noi) e un pò chatroulette (per gli amanti del voyeurismo). Un meccanismo che al solito critico (e spesso sponsorizzato) Scoble non sembra essere piaciuto più di tanto http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=1za5qadxChU anche se su Angel List le cose sono andate in modo molto diverso. In due giorni 60 Angel e VC hanno chiesto introduzione ai ragazzi di Yobongo. Chi avrà visto giusto?

Questo è solo un piccolo assaggio di Wikli.
Iscriviti per ricevere ogni settimana startup.wikli.it

Iscriviti!


Inserisci la tua email per ricevere questo numero di startup.wikli.it

Rimandamelo!